Mobile First sarà abilitata come impostazione predefinita

Google ha annunciato che dal 1° Luglio 2019 l’impostazione mobile first sarà abilitata come impostazione di scansione predefinita.
Secondo l’articolo di Seozoom.it (lo strumento di marketing per l’analisi dei siti web) , l’indice di riferimento utilizzato da Google sarà quello mobile.
Recenti analisi e stime dell’andamento della navigazione su internet, hanno messo in evidenza come il 58% delle ricerche sia effettuato tramite smartphone mentre il tempo speso sul web sia per il 62% speso in mobilità superando quindi il tempo trascorso davanti al pc.

Che cosa cambia all’atto pratico

Tutti i nuovi siti che entreranno sul mercato dovranno essere ottimizzati per dispositivi mobili al fine da essere indicizzati da Google.
I siti che sono già sul mercato, ma che non hanno versione mobile rischiano fortemente di vedere crollare la loro posizione all’ interno della SERP, cioè la pagina dei risultati dei motori di ricerca.
Google al riguardo è rimasto sul vago, ma la previsione è piuttosto verosimile…. infine tutti quei siti che hanno due versioni, la desktop e la mobile con due url differenti, dovranno uniformarle avendo ben presente che la versione scansionata dal bot di Google sarà quella mobile.

Cosa è necessario fare

Chiunque voglia creare un sito, oggi, deve accertarsi della sua fruizione da dispositivo mobile. Chiunque abbia un sito non responsive, è bene che si attivi per renderlo al passo coi tempi.
Ma attenzione anche ai “siti lenti”… i contenuti con caricamento lento potrebbero essere penalizzati dal motore di ricerca.

URL per il mobile e per il desktop

Sempre secondo le raccomandazioni di Google è da evitare lo sdoppiamento di URL, una per gli smartphone, una per il desktop, che possono generare confusione.

Quanti Google avremo?

Google rimarrà sempre e solo uno, non vi saranno quindi ricerche per il mobile e ricerche per il desktop, ma un unico indice che permetterà la visualizzazione dei risultati in base al giudizio insindacabile di Google.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Menu